Ministero delle finanze indiano: le criptovalute sono come gli schemi di Ponzi | IT.concellodemelon.org

Ministero delle finanze indiano: le criptovalute sono come gli schemi di Ponzi

Ministero delle finanze indiano: le criptovalute sono come gli schemi di Ponzi

Il governo indiano è il raddoppio sul suo scetticismo già pubblica di cryptocurrencies.

In un nuovo statementissued 29 dicembre, Ministero delle Finanze indiano ha avvertito i residenti contro i rischi connessi con cryptocurrencies commerciali, arrivando a paragonare le attività blockchain-based come bitcoin a "schemi di Ponzi". La dichiarazione è il terzo avvertimento quest'anno da un ente governativo in India, che indica un crescente livello di preoccupazione tra i principali regolatori del paese.

Come riportato da CoinDesk, la Reserve Bank of India ha emesso due avvisi simili nel 2017, uno nel mese di febbraio e l'altra all'inizio di dicembre per le persone che detengono e cryptocurrencies commerciali.

Eppure, la nuova dichiarazione del ministro delle Finanze dimostra ancora una volta come il governo sta rispondendo al picco a livello mondiale dei prezzi dei vari cryptocurrencies.

Si legge:

"Il prezzo del bitcoin e altri [valute virtuali] quindi è del tutto una questione di mera speculazione con conseguente scatto e la volatilità dei loro prezzi. C'è un rischio reale e accresciuta di bolla di investimento del tipo visto in schemi di Ponzi. I consumatori hanno bisogno di essere vigile e estremamente cauti per evitare di essere intrappolati in tali schemi di Ponzi ".

Altrove nel bando, il ministero ha sottolineato che l'India non riconosce alcun criptovaluta come moneta a corso legale e che nessuna licenza è rilasciata nel paese di autorizzare qualsiasi scambio criptovaluta. Pertanto, gli utenti potranno sostenere i potenziali rischi finanziari, operativi, legali e la sicurezza quando si investe in cryptocurrencies, ha detto.

Tale nota può essere rivolta direttamente ai commercianti esistenti di cryptocurrencies in India, come i dati di CoinMarketCap showsthat uno scambio criptovaluta più prominente in India, Koinex, attualmente vede un volume di scambi $ 115 milione nell'ambito di 24 ore.

Attenzione digressioni, però, ciò che è anche degna di nota è la discussione in corso in India se e come cryptocurrencies dovrebbero essere disciplinate dal paese.

La Corte Suprema indiana ha già sollecitato varie agenzie governative per rispondere a una petizione online che richiede un regolamento adeguato sopra bitcoin.

Infatti, nel mese di agosto, è stato notedthat una proposta di regolamento criptovaluta era stata presentata al Ministero delle Finanze, ma che il contenuto e la cronologia di tale regolamentazione ancora è rimasta poco chiara. Come tale, la nuova dichiarazione dal corpo governo può ancora segnalare una regola più restrittiva.

Schema finanziario RegulationIndiaPonzi

Notizie correlate


Post Regolamento

Lamministrazione Trump sta acquistando in Blockchain Tech

Post Regolamento

Le società statunitensi di blockchain spingono per alternative alla concessione di licenze State-By-State

Post Regolamento

Bitcoin come una merce: quello che significa la decisione della CFTC

Post Regolamento

Disposizioni sui bitcoin nella legge sul trasferimento di denaro in North Carolina

Post Regolamento

La Commissione Uniform Law ha dato agli Stati un chiaro percorso per avvicinarsi al Bitcoin

Post Regolamento

Il governo australiano delinea tre soluzioni per la doppia imposta sui bitcoin

Post Regolamento

Bill accetta Blockchain in avanti in North Carolina

Post Regolamento

Nevada Senator: vogliamo essere la base di partenza per le start-up di Blockchain

Post Regolamento

Il regolatore della Banca degli Stati Uniti apre la porta alla licenza nazionale per le imprese Bitcoin

Post Regolamento

I legislatori di Washington finalizzano le nuove regole aziendali di Bitcoin

Post Regolamento

Perché le società Blockchain non devono ignorare le nuove leggi UE sulla sicurezza informatica

Post Regolamento

I banchieri centrali del commonwealth sollevano questioni relative alla politica dei bitcoin